La tua ULSS cambia nome In seguito alla riorganizzazione della
sanità in Veneto, dal 1 gennaio 2017
ULSS12, ULSS13 e ULSS14 si uniscono nella nuova ULSS 3 Serenissima
I cookie ci aiutano a migliorare la vostra esperienza di navigazione. Continuando ad utilizzare il sito internet fornite il vostro consenso al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Accetto Info
> > Potenziato l'ambulatorio dei disordini alimentari della Pediatria di Dolo e Mirano

Potenziato l'ambulatorio dei disordini alimentari della Pediatria di Dolo e Mirano

lunedì 03 Aprile 2017
C’è quel bambino che alle quattro del pomeriggio mangia un piatto di pasta e quello che vorrebbe carne ad ogni ora. Poi c’è quello che non sa nemmeno cosa sia l’acqua, perché per lui è una bevanda senza sapore e ormai il suo palato desidera solo liquidi zuccherati. Ma ci sono anche situazioni opposte a quelle in cui ci si riempie di questo o di quell’altro cibo: c’è anche il caso in cui si decide di mangiare pochissimo, di eliminare “scientificamente” quello che, per il minore, può far aumentare il proprio peso corporeo. Ed ecco che il disordine alimentare si trasforma da un problema di sovrappeso od obesità, ad altri problemi quali l’anoressia e la bulimia. Una preoccupazione dei nostri tempi che viene affrontata dal reparto pediatrico del Distretto di Mirano Dolo della Ulss 3, diretto dal dottor Luca Vecchiato, con un ambulatorio specifico, attivo da circa un anno e che recentemente è stato potenziato tramite personale dedicato: la pediatra con master presso l’Associazione Italiana Disturbi Alimentari e Peso (AIDAP), dottoressa Giuliana Fino; il medico dietologo, dottoressa Raffaella Zago; la psicologa, dottoressa Isabella Robbiani.
 
“Questo ambulatorio – ha spiegato il primario di Pediatria Luca Vecchiato - sta seguendo attualmente una ottantina di bambini che vanno prevalentementedagli 8 ai 13 anni circa. Il giusto rapporto con il cibo è un tema molto attuale ed il problema, soprattutto nei bambini, è molto sentito. Non è un caso, infatti, che stiamo notando un aumento degli accessi al nostro servizio tanto che da un ambulatorio al mese che avevamo organizzato per Dolo e Mirano, ora ne abbiamo previsti quattro per Mirano e quattro per Dolo”. Degli ottanta bambini che sono in cura presso il servizio dedicato della Pediatria del Distretto di Mirano Dolo, circa un 10% ha problemi di obesità, un 5% di anoressia e la restante parte di sovrappeso su cui lavorano molto le professioniste dell’Ospedale in perfetta sintonia con le famiglie coinvolte.
“La relazione tra i medici e la famiglia – ha aggiunto il primario – viene costruita già durante la prima visita del bambino: gli operatori analizzano lo stile di vita e le abitudini alimentari di tutta la famiglia ed ovviamente le patologie preesistenti, che possano predisporre all’obesità”. Si compie, sempre insieme alla famiglia, un’accurata valutazione dello stile di vita a tavola, cercando di individuare le abitudini scorrette dei piccoli pazienti, e una altrettanto accurata valutazione del tempo dedicato alle attività ludiche e di sport. Da sottolineare che oltre al classico intervento nutrizionale il servizio offre in più la terapia cognitivo-comportamentale, ritenuta attualmente nel mondo scientifico l’approccio più completo per i disturbi del peso (per esempio come gestire la fame nervosa o la scarsa accettazione del proprio corpo).
 
«Ci sono pazienti, come quelli pediatrici, - ha dichiarato il direttore generale della Ulss 3 Giuseppe Dal Ben - che necessitano di una attenzione particolare. Sono in generale i soggetti più fragili, e quando sono affetti da qualche patologia si trovano in una condizione ancora più delicata. Per questo abbiamo pensato di utilizzare tutte le cautele e professionalità del caso: lo sviluppo dei nostri bambini deve avvenire nel modo più armonico e garantito possibile».
 
Condividi questa pagina:
Ricerca nel sito
ulss3