La tua ULSS cambia nome In seguito alla riorganizzazione della
sanità in Veneto, dal 1 gennaio 2017
ULSS12, ULSS13 e ULSS14 si uniscono nella nuova ULSS 3 Serenissima
I cookie ci aiutano a migliorare la vostra esperienza di navigazione. Continuando ad utilizzare il sito internet fornite il vostro consenso al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Accetto Info
> > Settimana Mondiale del Glaucoma: mercoledì 15 marzo un incontro per parlare di prevenzione a Mirano

Settimana Mondiale del Glaucoma: mercoledì 15 marzo un incontro per parlare di prevenzione a Mirano

lunedì 13 Marzo 2017
In occasione della Settimana Mondiale del Glaucoma, organizzata dalla Agenzia Internazionale per la prevenzione della cecità, il Reparto di Oculistica dell’Ospedale di Dolo della Ulss 3 Serenissima diretto dal dottor Romeo Altafini, in collaborazione con l’Unione Italiana Cechi ed Ipovedenti della sezione veneziana, organizza per la popolazione un evento di promozione e informazione alla prevenzione del glaucoma. L’incontro è previsto per mercoledì 15 marzo, alle ore 18.30, presso la Villa Errera di Mirano (via Bastia Fuori 58).
Mentre sabato 18 marzo, in mattinata, l’Unione Italiana Cechi ed Ipovedenti della sezione veneziana sarà presente in piazza a Mirano per distribuire del materiale informativo.
 
Il glaucoma è una delle principali cause di cecità: una malattia subdola dell’occhio che spesso viene scoperta occasionalmente. E’ caratterizzato da una pressione oculare elevata (di solito maggiore di 21 millimetri di mercurio) con una conseguente escavazione del nervo ottico ed una riduzione del campo visivo, cioè diminuzione della capacità di percepire oggetti o persone che si trovano oltre che di fronte a noi anche lateralmente. E’ una malattia legata più ad una condizione predisponente anatomica che ai corretti stili di vita. E’ importante saper riconoscere quale forma clinica di glaucoma si ha di fronte e individuare i vari stadi della malattia. Una volta fatta la diagnosi, si lavora per controllare l’unico fattore di rischio della malattia su cui si può agire e cioè la pressione oculare cercando di riportarla al valore normale indicato come valore target. Un’operazione che viene fatta,  scegliendo di volta in volta la terapia medica migliore per quel determinato caso, che può essere la somministrazione di gocce oppure un trattamento laser o, ancora, un intervento  chirurgico. Gli interventi sono diversi e, presso il servizio di Oculistica di Dolo, si è in grado di eseguire anche le tecniche più recenti, raffinate e miniinvasive.


 “L’Unità Operativa Complessa di Oculistica di Dolo – ha spiegato il direttore generale della Ulss 3 Giuseppe Dal Ben – si è organizzato per dare una risposta sulle principali cause di cecità con ambulatori dedicati per la prevenzione e la cura del glaucoma, della retinopatia diabetica e della degenerazione maculare legata all’età. Un Servizio che risponde in maniera efficace ai bisogni dei nostri cittadini anche lavorando in sinergia con le associazioni di volontariato per promuovere la prevenzione sul territorio”. 


Nel 2016 presso la UOC di Oculistica di Dolo sono state eseguite circa 6mila visite ambulatoriali ed erogate circa 16mila prestazioni con un netto aumento di alcuni esami che studiano le patologie del nervo ottico  (per esempio siamo passati da 911 OCT nel 2015 a 2358 nel 2016). Inoltre si è registrato un netto incremento dell’attività chirurgica, sia nella chirurgia della cataratta che soprattutto per trattamenti legati alla malattia del glaucoma.


In allegato la foto della équipe oculistica diretta dal dottor Altafini
Condividi questa pagina:
Ricerca nel sito
ulss3